Viaggio sul Gargano – una settimana on the road

Un viaggio sul Gargano? Finalmente la Puglia!
Avete presente quei luoghi a cui ci state pensando da una vita ma non riuscite mai a trovare il tempo per visitarli ? La verità è che siamo sempre attrati da mete lontane e spesso ci dimentichiamo di vivere in un paese pieno di meraviglie. In questo articolo vi parlerò del Gargano, una vera sorpresa di un’estate che non prometeva grandi emozioni.

Ecco a voi un itinerario di una settimana alla scoperta di una delle regioni più belle della Puglia, il Gargano.

  1. Dove dormire
    Visto che il Gargano si gira in auto e le distanze tra i principali punti di interesse non sono lunghe, l’ideale sarebbe fare base a Vieste o Peschici, le località più centrali e più fornite di servizi. Il mio consiglio è quello di dormire a Vieste (meglio nella zona del centro storico o nelle vicinanze) che si trova proprio sulla punta, è molto bella e ha una spiaggia propria facilmente raggiungibile a piedi.
  2. Come arrivare
    Se arrivate da lontano, conviene arrivare in aereo a Bari e noleggiare una macchina, se invece vivete più vicino, l’ideale sarebbe arrivare con l’auto propria.
    Qui il link con tutte le informazioni su come arrivare a Vieste.
  3. Itinerario
    Giorno 1: Arrivo e giro di Vieste, la sera il centro storico è una meraviglia. Se non siete amanti delle scale, preparatevi psicologicamente, le troverete ovunque.

    Giorno 2: Sentiero natura Mergoli – Vignanotica e spiaggia di Vignanotica.
    Questo meraviglioso sentiero vi porterà alla scoperta di una delle spiagge più belle del Gargano, la spiaggia di Vignanotica. Il sentiero è lungo 2 km (4km a/r) ed è facilmente percorribile. Il dislivello e minimo, al ritorno c’è una bella salitina ma la vista appagherà la fatica. Se non avete voglia di camminare potete raggiungere la spiaggia con la macchina (parcheggio a pagamento 10 euro). Il mio consiglio e quello di allontanarsi il più possibile dal lido (la spiaggia libera è gigantesca) e godersi la meraviglia della natura. Troverete un bar/ristorante con prezzi decenti. Importante: raggiungere la spiaggia in mattinata, dopo le 14.00 il sole si nasconde dietro la montagna.

    Giorno 3: Baia delle Zagare
    Oggi la dedichiamo ad una delle cartoline del Gargano, la Baia delle Zagare. Posto da favola che si merita l’intera giornata. Potete parcheggiare in uno dei due parcheggi a pagamento (10/15 euro per l’intera giornata) e raggiungere la spiaggia a piedi. Tenete presente che quando ci siamo andati a luglio (2020), siamo stati quasi costretti a pagare l’ombrellone (30 euro compreso di parcheggio) perché sembrava non fosse possibile accedere alla spiaggia libera per motivi di covid. In realtà la spiaggia libera è lunghissima e si può portare il proprio ombrellone, se non v’interessa il lido, potete raggiungerla passando per la proprietà dell’hotel (o su un’altra stradina che però non conosco). Anche qui è importante andare presto, sempre per il discorso del sole che ad una certa se ne va. In loco c’è la possibilità di noleggiare la canoa, ve la consiglio.

    Giorno 4 – Isole Tremiti
    Eh si, oggi destinazione Paradiso. Le Tremiti sono di gran lunga il luogo che ho preferito durante questo viaggio e decisamente uno dei posti che più mi hanno colpito in Italia. Le Tremiti si raggiungono da Vieste e Rodi Garganico in circa 1h30 di traghetto. Vi consiglio di consultare il meteo, in caso di forte vento le barche non partono. Consiglio anche di andarci in una giornata soleggiata, i colori dell’acqua sono qualcosa di incredibile!
    Una delle compagnie che operano giornalmente la tratta Vieste – Tremiti è la Navigazione Libera del Golfo. In altissima stagione è consigliato chiamare e chiedere se è necessario prenotare in anticipo, altrimenti basta andare in biglietteria il giorno prima (zona porto di Vieste). Partenza alle 9 del mattino da Vieste, ritorno alle 19.00 (17.30 dall’isola di San Nicola).

    Giorno 5 – Spiaggia di Zaiana/San Nicola
    Oggi la potete dedicare ad una delle spiagge vicine a Peschici. Il mio consiglio è quello di provare a raggiungere la spiaggia di Zaiana, un po’ più difficilmente raggiungibile (la strada non è un granché) ma più selvaggia delle altre. Incastonata in una baia rocciosa a strapiombo sul mare, questa striscia di sabbia offre scorci panoramici su un antico trabucco di cui vi parlerò a seguire. Dopo aver passato la giornata in spiaggia, sarà un MUST andare a fare l’aperitivo al Trabucco di Mimi, un posto che senza ombra di dubbio vi lascerà a bocca aperta. E’ molto importante prenotare online con largo anticipo, altrimenti non riuscirete mai ad entrarci.
    Qui il link per prenotare.
    Se non sarete riusciti a guadagnarvi il posto, vi consiglio di prendervi due birre e raggiungere lo stesso la zona, il tramonto è spettacolare.
  1. Giorno 6 – Foresta Umbra
    Questa è la parte della Puglia che non vi aspetterete. Una foresta fitta in cui è possibile rinfrescarsi e persersi tra i numerosi sentieri. Ci si mettono meno di 20 minuti in macchina per raggiungere il centro visitatori da dove potete iniziare la vostra avventura.
    Tutte le informazioni sulla foresta a questo link.

    Giorno 7 – Oggi si torna a casa, oppure, se avete ancora giorni a disposizione potete guidare in direzione Salento. A breve vi racconterò qualcosa anche su quest’altra meraviglia della Puglia.

Per un po’ d’ispirazione in più per il tuo viaggio sul Gargano, ecco qua il video del viaggio che contiene anche parte del Salento:

https://www.youtube.com/watch?v=C0-tAe7C48U&t=12s

2 thoughts on “Viaggio sul Gargano – Itinerario e cosa devi sapere”

  1. Bellissimo articolo, siamo passati da Vieste durante il nostro tour in camper lungo la favolosa Puglia. Ci è piaciuta molto, in particolare il Pizzomunno, che con la sua leggenda ha incantato i nostri figli. Peccato solo che siamo rimasti solo mezza giornata.

    1. Ciao Michele! Grazie mille, felice sia piaciuto!
      Il Gargano è stato una scoperta anche per me e Vieste è un’ottima base per andare alla scoperta. Unica la spiaggia di Pizzomuno!!
      Buon proseguimento, alla prossima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *