Aurora boreale in Islanda – come viaggiare spendendoci poco

1 0
Read Time:6 Minute, 49 Second

Aurora boreale in Islanda a basso costo?

In questo articolo ti racconto una sfida riuscita: quella di viaggiare in uno dei paesi più cari al mondo senza spendere un patrimonio. Vedere l’aurora boreale in Islanda ci è costato €740 a testa, tutto compreso. Senza nemmeno dormire sotto un ponte!

Passiamo subito ai fatti. Come si fa ad organizzare un viaggio a basso costo per vedere l’ Aurora Boreale in Islanda?

NB: Premetto che le magie non le so fare e che non svelerò nessun grande segreto, se non alcune dritte che sono fondamentali nell’organizzazione di un viaggio on the road fai da te e ancor di più in Islanda. Il viaggio si è svolto in inverno ma i consigli valgono anche per l’estate.

1. Aurora boreale in Islanda –  l’itinerario

Il nostro itinerario di 8 giorni si è svolto nella parte sud dell’Islanda + la penisola Snaefelessness. Vale la pena spostarsi perché le meraviglie da vedere lungo la strada sono infinite, sarebbe un peccato soggiornare in un solo posto. A seguire le tappe:

1. Italia – Reykjavik – Circolo d’Oro – Selfoss
2. Selfoss – Skogafoss – DC3 Plane Wreck
3. Skogafoss – Dyrholaey – Vik – Jokulsalron
4. Jokulsalron – Skaftafell – Skogafoss
5. Skogafoss – Secret Lagoon – Reykjavik
6. Reykjavik – West Fjords – Hraunfossar – Grundarfjordur
7. Snaefellesness penisola – Reykjavik
8. Reykjavik – Italia

In estate in 8 giorni è possibile fare il giro completo dell’isola ma sarebbe abbastanza di corsa, meglio aggiungere qualche giorno. In inverno è sconsigliatissimo provarci a causa delle condizioni climatiche.

2. Aurora boreale in Islanda – l’organizzazione del viaggio per spendere poco

  1. Creare un gruppetto

    Il mio principale consiglio per risparmiare è quello di partire in compagnia in modo da dividere le spese ma anche da condividere questa bellissima avventura. . Le spese si abbassano a vista d’occhio se si viaggia in 4/5 persone. Il numero perfetto sarebbe 5, occhio però ai bagagli e alla macchina a noleggio. In 5 serve considerare più spazio disponibile. Il discorso della spesa ridotta non vale per chi vuole viaggiare da solo/a o in coppia, la somma finale sarà decisamente più alta.
    Non appena hai creato il tuo gruppetto, concordate subito l’itinerario, è importante sapere che giro farete per poter procedere con la prenotazione del volo e degli alloggi.

  2. Il volo

    Volo diretto Roma – Reikjavyk con due bagagli, 165 euro. E’ successo nel 2019 ed è quello che abbiamo speso. La Norwegian non vola più da Roma ma in cambio Wizzair opera voli diretti da Malpensa che si aggirano attorno a €200 bagaglio compreso. Ricorda che prima prenoti, meno spendi.

    Totale volo a/r: 165 euro

  3. La macchina

    Il mio gruppetto di amici contava 4 persone ed è per questo che abbiamo optato per una macchina con un bagagliaio molto spazioso: la Subaru Forester 4×4. Normalmente va benissimo la Dacia Duster ma c’è da considerare che il bagagliaio è abbastanza piccolo.
    La compagnia che abbiamo usato è la LOTUS, l’unica che al momento consentiva di stipulare l’assicurazione full, senza nessun tipo di franchigia. In fase di prenotazione va aggiunta l’opzione Platinum (per intenderci, qualsiasi cosa accada alla macchina verrà pagata dall’assicurazione). C’è anche la possibilità di stipulare un contratto meno costoso che prevede una franchigia, opzione altamente scosigliata in Islanda. Al momento della prenotazione è possibile pagare l’intero importo con la carta di credito. Altrimenti si può pagare anche in loco con un supplemento del 10% rispetto al pagamento anticipato.
    A seguire la compagnia BlueCar Rental ha aggiornato le sue condizioni e offre l’assicurazione completa. Già testata per altri viaggi, i prezzi sono leggermente più bassi rispetto alla Lotus.
    IMPORTANTISSIMO: La carta di credito usata per la prenotazione deve essere intestata al guidatore, diversamente si rischia di non poter ritirare l’auto.
    Le prenotazioni hanno la cancellazione gratuita fino a 48 ore prima quindi se i vostri programmi cambieranno, verrete completamente rimborsati.
    Sempre in fase di prenotazione è possibile aggiungere a pagamento altri guidatori secondari per dividere la guida con gli altri passeggeri (opzione che si può aggiungere anche in loco). Noi abbiamo scelto di aggiungere un secondo guidatore, penso sia sufficiente per un viaggio cosi breve.
    Una volta arrivati in loco ci vogliono pochissimi minuti per ritirare la macchina (bisogna prendere la navetta davanti all’aeroporto per arrivare all’ufficio della compagnia).

    Totale macchina per 8 giorni: 745 euro in totale/ 149 euro/pax, zero rischi

    Clicca qui se hai pochi giorni a disposizione e preferisci fare delle escursioni guidate partendo da Reykjavik.

  4. Aurora boreale in Islanda – Gli alloggi

    Tutti gli alloggi con stati bloccati con largo anticipo, cca 3 mesi prima. Se vai in estate, cerca di farlo il prima possibile, anche molti mesi prima. Abbiamo scelto tutte strutture con cucina per avere la possibilità di prepararci i pasti (panini per la giornata e cene cucinate la sera). Consiglio appartamenti o cottages. Booking.com resta la piattaforma più fornita a mio avviso.
    I nomi delle strutture li trovi all’interno del diario del viaggio giorno per giorno.

    Totale strutture per 7 notti €1.100: 220 euro/persona

  5. Il cibo

    In Islanda mangiare costa molto, certi prodotti costano una fucilata pur se presi al supermercato. Ecco perché il discorso cibo è molto importante.
    Premetto che in generale non trovo alcun senso nel portarsi il cibo in viaggio visto che una delle esperienze più belle quando si va alla scoperta di nuovi luoghi è assaggiare la cucina locale. Questo discorso purtroppo sembra non valere per chi vuole viaggiare spendendo poco in Islanda. In questo caso quello che vale è la roba che porterai da casa. Noi che eravamo in 5 ci siamo riempiti un trolley e mai scelta fu più azzeccata. I supermercati islandesi ci sono in tutte le cittadine, alcuni più cari degli altri. Potete tranquillamente comprare in loco pasta, pane, uova, latte, yogurt, legumi in scatola che hanno dei prezzi abbastanza normali mentre gli altri alimenti costano parecchio di più.
    Il supermercato più economico è Bonus (porcellino rosa).

    Tengo a sottolineare che ognuno è libero di organizzarsi come meglio crede e che mi è capitato di sentire pareri contrastanti sul discorso cibo/spesa in loco. Noi siamo stati molto contenti della scelta fatta e se tornassimo indietro lo rifaremmo uguale.

    Cosa abbiamo portato? Salumi sottovuoto (2kg divisi in confezioni da 400 grammi – basta chiederlo al banco salumi e ve lo fanno-), formaggi (grana, pecorini vari, nessun problema per la conservazione, il frigo c’è sempre), qualche pezzo di pancetta per i gustosissimi sughi di Lorenzo, concentrato di pomodoro, buste per il puré, tonno (ce lo siamo portati perché anche se quello islandese è buono, costa molto di più), cioccolato, frutta secca, the, qualche baratolo di sugo pronto, caffé, un po’ di bottiglie di vino e un paio di superalcolici (il costo di una bottiglia di gin parte da 50 euro se comprata in loco). Le cose sono queste più o meno, per il resto abbiamo fatto la spesa e ce la siamo cavati con poco. I pranzi li abbiamo sempre fatti al sacco e la sera abbiamo cucinato, tranne l’ultima. Una bella esperienza di condivisione!

    Totale cibo per 8 giorni, compresa la spesa fatta in Italia: 96 euro/pax (meno che a casa!)

  6. Il carburante

    Tutti dicono che la Subaru beve molto ma pensavo molto peggio.
    In 8 giorni abbiamo macinato più di 2000km e il costo totale della benzina è stato di 414 euro, 83 euro a persona per tutto il viaggio.

    Totale carburante per 8 giorni a persona: 83 euro.

    Altre spese:
    Ingresso alla Secret Lagoon: 27 euro, telo compreso. 🙂

    E questo è tutto, nero su bianco:

    Aurora boreale in Islanda, quanto ci è costato in tutto?

    La somma delle voci sopra elencate ci dice che il costo totale del viaggio è stato di €740. Io aggiungo che questo sia stato uno dei viaggio più belli di sempre e che a volte basta il giusto per compiere un sogno.

    A questo link trovi il racconto del viaggio giorno per giorno. Qui invece trovi tutte le info sul vestiario.
    Per qualsiasi dubbio, domanda o suggerimento scrivimi nei commenti, sarò felice di risponderti al più presto!

    E qui il video del viaggio:

    https://www.youtube.com/watch?v=WS5BskuDoxI&t=20s

    Buona avventura!

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

6 thoughts on “Aurora boreale in Islanda – come viaggiare spendendoci poco

  1. Ciao , partiamo la settimana prossima , anche noi low cost, ma come hai fatto a portare la.valigia con cibo e bottiglie ? In cabina o in stiva? Non controllano slaumi e formaggi e liquidi in aeroporto?
    Grazie

    1. Ciao Alessandra! Ma che bello, tanta sana invidia! Tutto il cibo va messo in stiva, se è sottovuoto o confezionato non ci sono problemi! Uguale per pe bottiglie, basta avvolgerle per bene in carta da giornale (o anche una felpa va bene) e metterle in mezzo alle altre cose per fare si che non si rompano. Fammi sapere se hai altre domande, buon viaggio!

  2. Ciao, tra qualche giorno io e la mia ragazza partiamo e abbiamo deciso di portarci scorte di cibo per il viaggio. Abbiamo letto che non si possono portare più di 3 kg di generi alimentari a persona: vi risulta? Fanno dei controlli? Qualche consiglio? Grazie della risposta
    Francesco

    1. Ciao Francesco! Non mi risulta ci fossero controlli, se il cibo è confezionato o sottovuoto non ci dovrebbe essere nessun limite di peso. Non vale per gli alcolici ma lo saprete già! Noi abbiamo portato tantissime cose e nessuno ci ha chiesto nulla, secondo me potete stare tranquilli.
      Vi consiglio di portarvi scatolette di tonno, affettati sotto vuoto, qualche formaggio sottovuoto per i panini, concentrato di pomodoro (tubetto), olio, frutta secca. Pane e pasta, biscotti, yogurt o altri prodotti semplici li potete comprare tranquillamente in loco, non costano tanto. Buon viaggio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.